Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GIUDISCE DER VICARIATO

Giuseppe Gioacchino Belli

Senta, sor avocato, io nun zò mmicca
Da nun intenne cuer che llei bbarbotta.
Lei me vò ffà sputà ch’io sò mmiggnotta: Ma sta zeppa che cqua nun me la ficca.

La verità la dico cruda e ccotta,
Ma cquesta nu la sgozzo si mm’impicca.
S’io me fesce sfasscià ffu pe una picca,
Pe ffà vvedé cche nu l’avevo rotta.

D’allor’ impoi sta porta mia nun usa
D’oprisse a ccazzi: e ssi llei vò pprovalla,
Sentirà cche mme s’è gguasi arichiusa.

…Bbe’, rrestamo accusí: su un’ora calla
Le me vienghi a bbussà co cquarche scusa,
E vvederemo poi d’accommodalla.

26 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 341 volte