Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Jeri lei me mannò da la sartora,
La scucchiona, la vedova de Muccio
Che un par de mesi fa jje morze fora
D’un carcio che jje diede un cavalluccio.

Va cche ttu nun ciazzecchi? E ssissiggnora
Sta matta e nun z’è mmmesso lo scoruccio?
Nun ze tiè accanto llí ddove lavora
Er gruggno de lo sposo in d’uno stuccio?

Lei piaggne sempre sto marito santo.
O mmaggna, o ddorme, o ffa la bbirba, o ccusce,
O entra, o essce, tiè in zaccoccia er pianto.

Ma ttutt’oro nun è cquer c’arilusce,
Perch’io travedde in d’una stanzia accanto
Un letto granne co ddu’ bbelle bbusce.

27 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 308 volte