Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER TRIONFO DE LA RILIGGIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Cuer giorno che vvoleveno sti cani
Levà ar Zommo Pontescife lo sscetro,
Lui pe mmette coraggio a li Romani
Fesce un giretto attorno de Sampietro.

Che vvòi vede sartà li Bborghisciani
Sur cel der carrozzone, e avanti, e ddietro!,
E ppe rreliquia da bboni cristiani
Staccajje ggiú ll’ ottoni come vvetro!

Er Maggiordomo fesce a Ppidocchietto
Che ddiede un bascio ar Papa: «Eh galantomo,
Cuer culo a lo sportello è un po’ ttroppetto».

E Ppidocchio, co ttutto er pavonazzo,
Disse in cuer tuppetuppe ar Maggiordomo:
«Zitto llí vvoi che nun capite un cazzo!»

27 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 335 volte