Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PUTTANA SINCERA

Giuseppe Gioacchino Belli

Io pulenta? Ma llei me maravijjo!
Io sò ppulita com’un armellino.
Guardi cqua sta camiscia ch’è de lino
Si ppe bbianchezza nun svergoggna un gijjo!

Da sí cche cquarc’uscello io me lo pijjo
Io nun ho avuto mai sto contentino,
Perché accenno ogni sabbito er lumino
Avanti a la Madon-der-bon-conzijjo.

Senta, nun fo ppe ddillo, ma un testone
Lei nu l’impiega male, nu l’impiega,
E ppò rringrazzià Ccristo in ginocchione.

Lei sta cosa che cqui nun me le nega,
Che invesce de bbuttalli a Ttordinone
Tre ggiuli è mmejj’assai si sse li frega.

28 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 609 volte