Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VITA DE LE DONNE

Giuseppe Gioacchino Belli

La donna appena arriva ar rifriggerio
De godé li bbimestri o er bonifiscio,
Incomincia a ccapí che ccos’è cciscio
E pprincipia a ppeccà dde disiderio.

Po’ appena è bbona de sonà er zarterio
E dde fà ar maschio cuarche bbon uffiscio,
Incomincia a rrubbà la carne ar miscio
E pprincipia a ppeccà de cazzimperio.

Ma cquanno che ppe vvia der zona-sona
Diventa un orto che ggnisuno stabbia,
E ffa ttele de raggno a la ficona,

Vedenno er ciscio nun tornà ppiú in gabbia,
Se dà ppe ccorpo morto a la corona,
Sin che in grazzia de ddio crepa de rabbia.

Roma, 10 febbraio 1832

Questa poesia è stata letta 646 volte