Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI SORDATI DE ’NA VORTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce che ssott’a Ppapa Ganganelli,
E ppuro sott’a un po’ dde Papa Bbraschi,
Chi a sto paese aveva fijji maschi
Sapeva cuer che ffà ppe mmantenelli.

C’ereno li vacabbili, e cco cquelli
Tanti tibbi commissi e mmaggnoraschi:
E lle truppe, ortr’a un monno de ricaschi,
Montaveno la guardia co l’ombrelli.

Li sordati a cquer tempo pe annà in marcia
Ciaveveno tammurro e cciufoletto,
E ppe stà in fila un gran zeggno de carcia.

E ssi mmai sc’era risico de pioggia,
Er capo bbattajjone cor giacchetto
L’annava a ccommannà ssu da la loggia.

Roma, 20 febbraio 1832

Questa poesia è stata letta 1050 volte