Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Appena va a bottega scopre er foco,
dà 'na tirata ar mantice e l'attizza;
er foco je sfavilla, scrocchia, schizza,
e er ferro s'ariscalla a poco a poco.

Quann'è rosso lo caccia e, come un coco
ch'aggiusta 'na pietanza, taja, spizza,
l'intorcina, lo storce, lo riaddrizza,
je dà la forma che je fa più gioco.

A entrà lì drento, senti un'oppressione;
ma quello, sì! cià preso l'abbitudine,
lavora sempre e canta le canzone.

E le canta co' tanto sentimento
ch'er martello, cór batte su l'incudine,
je fa 'na spece d'accompagnamento.

II

Per aria ce sta un bucio, e lui da quello
vede 'na loggia che je sta de faccia,
e vede puro quanno ce s'affaccia
un grugno spizzichino e ciumachello.

Allora pare che je vadi in faccia
tutta quanta la fiara der fornello,
allora sente er peso der martello,
nu' ne pô più, je cascheno le braccia!

Lassa perde l'incudine e s'incanta
coll'occhi spalancati su quer bucio...
Poi se dà pace, rilavora e canta:

— Dimme si me vôi bene e si te piacio:
io sto vicino ar foco e nun m'abbrucio,
ma tu m'abbruceressi con un bacio!



Questa poesia è stata letta 1947 volte