Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRESIDENTE DE L’URIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma llustrissimo mio, cqua nun ce trovo
A llei de nun zentí cc’una campana.
Lei se vadi a informà ppe Bborgo-novo
Si cche ppelletta è sta vecchiaccia cana.

Che sse laggna?, che jj’ho ddetto ruffiana?
Sissiggnora, è ruffiana, e jje l’approvo,
Ché ppò stà ttistimonia Roma sana
Si a ccasa sua sc’è ssempre ggente ar covo.

E llei perché cquer giorno a la Ritonna
Disse miggnotta a mmé? Me maravijjo!
Sta fica è ancora sana, e nnun ze sfonna.

E ssi vvò er giuramento, io me lo pijjo,
Ch’io sò zzitella ppiú de la Madonna,
Perché llei, nun fuss’antro, ha ffatto un fijjo.

26 giugno 1832

Questa poesia è stata letta 1074 volte