Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come intese a cciarlà der cavalletto,
Presto io curze dar zor Logotenente:
«Mi’ marito..., Eccellenza, è un poveretto...
Pe ccarità... ché nun ha ffatto ggnente».

Disce: «Méttet’ a ssede». Io me sce metto.
Lui cor un zenno manna via la ggente:
Po’ me s’accosta: «Dimme un po’ ggruggnetto,
Tu’ marito lo vòi reo o innoscente?».

«Innoscente», dich’io; e llui: «Sciò ggusto»;
E ddetto-fatto cuer faccia d’abbreo
Me schiaffa la man-dritta drent’ ar busto.

Io sbarzo in piede, e strillo: «Eh sor cazzeo...»
E llui: «Fijjola, cuer ch’è ggiusto è ggiusto:
Annate via: vostro marito è rreo».

Terni, 6 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 407 volte