Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

MONZIGGNOR TESORIERE

Giuseppe Gioacchino Belli

C’è stato a Rroma a ttempo der vertecchio
Un abbate fijjol d’un rigattiere,
Che ddoppo d’avé ffatto er mozzorecchio
Se trovò de risbarzo Tesoriere.

E ssiccome era fijjo der mestiere,
Vedenno in cassa tant’oraccio vecchio,
Coll’ajjuto de costa der cassiere
Tutta l’aripulí ccom’uno specchio.

Ma er Papa ch’era un omo duzzinale,
Pijjanno cuella cosa in mal umore,
Lo creò pe ggastigo cardinale.

E accusí se pò ddí de Monziggnore
Cuello che ddimo noi de fra Ccaviale:
La fesce sporca, e ddiventò ppriore.

Terni, 6 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 302 volte