Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mariti? eh, Dio! si le cose, commare,
Se potessi cuaggiú ffalle du’ vorte,
Prima de dí cquer padre sí a l’artare
Me vorrebbe da mé ddamme la morte.

Strapazzi de ’ggni ggenere, caggnare
Cazzottoni, croscette, fuse-torte,
Porca cqua, vvacca llà... che tte ne pare?
Valla a ddisiderà sta bbella sorte.

Figurete ch’er mio che mm’ha ppijjata
Piena zeppa de robba, è ggià la terza
Ch’inzino a la camiscia m’ha impeggnata.

Senza dí poi che st’animaccia perza
Cuanno semo... capischi?, ha la corata
De particce a la dritta e la roverza.

Terni, 6 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 373 volte