Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pussibbile che ttu cche ssei romana
Nun abbi da capí sta gran sentenza,
Che ppe vvive in ner monno a la cristiana
Bisoggna lasscià ssarva l’apparenza!

Co cche ccore, peddio!, co cche ccusscenza
Vòi portà scritto in fronte: Io sò pputtana?
Nun ze pò ffà lle cose co pprudenza?
Abbi un po’ de ggiudizzio, sciarafana.

Guarda fra Ddiego, guarda don Margutto:
C’è bbarba-d’-omo che nne pò ddí ggnente?
Be’, e la viggijja maggneno er presciutto.

Duncue sta verità tiettela a mmente
Che cquaggiú, Checca mia, se pò ffà ttutto,
Bbasta de nun dà scànnolo a la ggente.

Terni, 8 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 585 volte