Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI FRATI D’UN PAESE

Giuseppe Gioacchino Belli

Senti sto fatto. Un giorno de st’istate
Lavoravo ar convento de Ggenzano,
E ssentivo de sopra ch’er guardiano
Tirava ggiú bbiastime a ccarrettate;

Perché, essenno le ggente aridunate
Pe ccantà la novena a ssan Cazziano,
Cerca cqua, cchiama llà, cquer zagristano
Drento a le scelle nun trovava un frate.

Era viscino a nnotte, e un pispillorio
Già sse sentiva in de la cchiesa piena,
Cuanno senti che ffa ppadre Grigorio.

Curze a intoccà la tevola de scena,
E appena che ffu empito er rifettorio
isse: «Aló, ffrati porchi, a la novena!»

Terni, 8 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1003 volte