Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Fino a sei mesi fa, l'avressi detto?
Quanno diceva Messa, ogni parola
pareva che j'uscisse da la gola
piena de divozzione e de rispetto.

Me pare de vedello, in cotta e stola,
quanno cantava: — Dio sia benedetto —
cór collo storto e se sbatteva er petto
davanti a Sant'Ignazzio de Lojola.

Allora predicava come un santo,
pareva che dicesse per davero,
pareva che credesse a tutto quanto;

chi annava a immagginà che ne la mente
je ce covava er libbero pensiero,
o, pe' di' mejo, nun ciaveva gnente?

II

Oggi che s'è spretato, e che rinnega
quello ch'ha predicato insino a jeri,
dichiara de nun crede a li misteri
e che la Chiesa è tutta 'na bottega.

— Li preti — dice — nun so' mai sinceri
la maggior parte magna e se ne frega,
so' tutti d'una razza e d'una lega,
ignoranti, egoisti e puttanieri. —

E, come disse l'antra settimana,
bisogna diffidà de le persone
che vanno cór treppizzi e la sottana:

defatti puro lui, ne li comizzi,
pe' faje capì mejo la questione,
ce va co' la sottana e cór treppizzi.



Questa poesia è stata letta 2076 volte