Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dio sia con noi! Lo vedi, eh? cquer casino
Co le finestre tutte svetrïate?
Llí, a ttempi de la Cenci, un pellegrino
De nottetempo sciammazzò un abbate.

D’allor’impoi, a ssett’ora sonate,
Ce se vede ggirà ssempre un lumino,
Eppoi se sente un strillo fino fino,
E un rumor de catene strascinate.

S’aricconta che un anno uno sce vorze
Passà una notte pe scoprí ccos’era:
Che ccredi? in capo a ssette ggiorni morze.

Fatt’è cche cquanno ho da passà de sera
Da sto loco che cqua, pperdo le forze,
E mme faccio ppú bbianco de la scera.

Roma, 16 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 293 volte