Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Tu ffatte lègge er libbro che ccià er frate
Che pporta er venardí la misticanza
E ssentirai si cquante sce sò state
Che jj’è entrato er demonio in de la panza.

Cueste sò, bbella mia, storie stampate,
Vite de Santi; e cc’è ttanto c’avanza
De donne che ccredenno gravidanza
S’aritrovorno in cammio affatturate:

Perché, ar fine der gioco a mmill’a mmille
Vommitorno li diavoli a lleggione
Sotto forma de nottole e dd’inguille.

Bbasta che ppòzzi datte uno stregone
A ingozzà ddu’ capelli e un par de spille,
Te sce schiaffa, si vvò, ppuro Prutone.

Roma, 17 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1027 volte