Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sai cuant’è mmejjo a llavorà llumini
E a frabbicà le cannéle de sego,
O annà a le quarant’ore a ffà cquadrini
Co le diasille e ccor devoto prego;

Che de mette li fijji a li latini
E a bbiastimà ccor paternostro grego,
Tra cquella frega de scisceroncini
Indove in cammio d’io sc’è scritto Diego?

Causa de sti vorponi ggesuiti
Che sfotteno e ss’inzoggneno la notte
Come potecce fà ttutti aruditi.

Pe li mi’ fijji a sti fratacci fessi
È ddègheta; e sse vadino a ffà fotte
Loro e cquer Papa che cce l’ha arimessi.

Roma, 18 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 356 volte