Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Io t'aspettavo sempre sur cancello
de Trinità de Monti: t'aricordi
che passeggiàmio come du' milordi
sotto a quell'arberoni fatti a ombrello?

Allora nun annavi cór cappello,
nun portavi la vesta co' li bordi,
lo so, eri guitta, nun ciavevi sordi,
ma l'onore più è povero più è bello!

Era mejo la vesta de cambricche,
la polacca a righette d'una vorta,
che 'st'abbito de seta così scicche!

Adesso vai pulita, se capisce:
ma puro la manija d'una porta
a furia d'addopralla se pulisce...

II

E mó, co' tutta 'st'aria che te dai,
sai che me pari? Er re sur francobbollo.
Ciai un conte? E quanto dà? Rottadecollo!
Cinquanta lire ar giorno? E che ce fai?

Giusto jersera, quanno t'incontrai
co' tutte quele penne intorno ar collo,
io dissi: ha spennacchiato quarche pollo...
Er core nun se sbaja: ciazzeccai!

Mó me spiego la voja d'annà in legno,
l'idea de mette su l'appartamento...
Eh! lo dicevo ch'era un brutto segno!

Quanno una donna cià 'ste pretenzioni,
l'onore, la vergogna, er sentimento
rassegneno le propie dimissioni.



Questa poesia è stata letta 6684 volte