Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ah fu un gran ride e un gran cascerro gusto
Quer de vede passà ttante zitelle
Co la bbocca cuperta, er manto, er busto,
Le spille, er zottogóla, e le pianelle!

Tutte coll’occhi bbassi ereno ggiusto
Da pijjalle pe ttante monichelle,
Chi nun zapessi cuer che ssa sto fusto
Si cche ccarne sce sta ssotto la pelle.

Nerbi-grazzia, Luscía l’ho ffregat’io:
Nena? ha ffatto tre anni la puttana,
E Ttota è mmantienuta da un giudio.

E la sora Lugrezzia la mammana
N’ariconobbe dua de Bborgo-pio:
Inzomma una oggni sei nun era sana.

Roma, 20 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1051 volte