Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’INCRINAZZIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Sèntime: doppo er Papa e ddoppo Iddio
Cquer che mme sta ppiú a ccore, Antonio, è er pelo;
Pe cquesto cqua nun zo nnegatte ch’io
Rineghería la lusce der Vangelo.

E ssi dde donne, corpo d’un giudio!,
N’avessi cuante stella che ssò in celo,
Bbasta fussino bbelle, Antonio mio,
Le voría fà rrestà ttutte de ggelo.

Tratanto, o per amore, o per inganno,
De cuelle c’ho scopato, e ttutte bbelle,
Ecco er conto che ffo ssino a cquest’anno:

Trentasei maritate, otto zitelle,
Diesci vedove: e ll’antre che vvieranno
Stanno in mente de Ddio: chi ppò sapelle?

Roma, 21 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1138 volte