Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MADRE DER CACCIATORE

Giuseppe Gioacchino Belli

E ssempre, Andrea, sta bbenedetta caccia
Co sti compaggni tui priscipitosi!
Oggi sei stato inzino a Mmonterosi,
E stanotte aritorni a la Bbottaccia!

A mmé nnun me parlà de sti mengosi,
De st’archibbusci tui senza focaccia:
Sai che sso io? che ffai troppa vitaccia:
Sai che mme preme a mmé? che tt’ariposi.

Un giorno a ttordi, un antro a ppavoncelle,
Mó a bbeccacce, mó a llepri, mó a cciggnali...
Ne vòi troppo ne vòi da la tu’ pelle.

Fijjo, io ppiú tte conzidero e ppiú ccali:
Andrea, le carne tue nun zò ppiú cquelle:
Credime, fijjo mio, tu mme t’ammali.

Roma, 22 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 353 volte