Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

No, Rreggina mia bbella, in paradiso
Nun perdi tempo co ggnisun lavoro:
Nun ce trovi antro che vviolini, riso,
E ppandescèlo, ciovè ppane d’oro.

Là, a ddà udienza ar giudío, pòzz’èsse acciso!,
Nun ce metteno er becco antro che lloro;
Come si ttutto-cuanto sto tesoro
Fussi fatto pe un cazzo scirconciso.

Ecco che ddisce sto ggiudío scontento:
«Sopra li leggi vecchi, mordivoi,
Per vita mia! sta tutto el fonnamento».

Ma llui nun za che Ggesucristo poi
Ner morí fesce un antro testamento,
E ’r paradiso l’ha llassato a nnoi.

Roma, 23 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 510 volte