Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

A tté ffa ttanta spesce de Peppetto,
Perché jerammatina a Pponte-Sisto,
Come nun fussi fatto suo, l’hai visto
Pijjà co ttanta grazzia er cavalletto?!

Che ss’avería da dí de Ggesucristo,
Cuanno cuer popolaccio mmaledetto
Lo legò ccom’un Cristo immezzo ar Ghetto
A la colonna, e jje sonò cquer pisto?

La carne, hai da capí che ppe ’ggni bbotta
Ne le coste, sur culo, e ppe le spalle,
Cascava a ppezzi come fussi cotta.

E llui, senza avé ppiú mmanco le palle
Sane pe cquelli fijji de miggnotta,
Cosa fasceva lui? Stava a ccontalle.

Roma, 26 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1020 volte