Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E' ’GGNISEMPRE UN PANGRATTATO

Giuseppe Gioacchino Belli

Pe nnoi, rubbi Simone o rrubi Ggiuda,
Maggni Bbartolomeo, maggni Taddeo,
Sempr’è ttutt’uno, e nnun ce muta un gneo:
Er ricco gode e ’r poverello suda.

Noi mostreremo sempre er culiseo
E mmoriremo co la panza iggnuda.
Io nun capisco duncue a cche cconcruda
D’avé dda seguità sto piaggnisteo.

Lo so, lo so cche ttutti li cuadrini
C’arrubbeno sti ladri, è ssangue nostro
E dde li fijji nostri piccinini.

Che sserveno però ttante caggnare?
Un pezzaccio de carta, un po’ d’inchiostro,
E ttutt’Ora-pro-mè: ll’acqua va ar mare.

Roma, 27 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 1072 volte