Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA STRADA CUPERTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi vvò vvieni da le Cuattro-Funtane
Sempre ar cuperto ggiú a Ffuntan-de-Trevi,
Entri er porton der Papa, c’arimane
Incontr’a Ssan Carlino: poi se bbevi

Tutto er coritorone de sti grevi
De papalini fijji de puttane:
Ggiri er cortile: poi ssceggni a li Bbrevi
Sin dove prima se fasceva er pane.

Com’è arrivato a la Panettaria,
Trapassi l’arco, eppoi ricali abbasso
E scappi dar porton de Dataria.

E accusí er viaggio finirà a l’arbergo
De li somari che stanno a l’ingrasso
Maggnanno carta zifferata in gergo.

Roma, 28 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 366 volte