Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Vôi 'na cosa più stupida e più sciocca
de crede veramente che li baci
fra l'ommini e le donne so' capaci
d'attaccacce er bacillo ne la bocca?

Ma se me viè davanti 'na paciocca
eguale a te, che sai quanto me piaci,
se me va a ciccio, vôi che nu' la baci?
Cià er bacillo? E va bè'! Tocca a chi tocca.

No, Nina, nun pô sta' che faccia male:
io credo, invece, che ridia la vita...
Dice: — Ma c'è lo sputo... — È naturale:

qualunque donna baci, o bella o brutta,
la bocca resta sempre innummidita...
Solo co' te se resta a bocca asciutta!

II

Un medico ha vorsuto fa' un'inchiesta,
e ha visto ar microscopio una signora
che, per avé girato un quarto d'ora,
ciaveva sei bacilli ne la vesta.

Perché una donna, onesta o nun onesta,
scopa la strada co' la coda, e allora
er bacillo se smove, scappa fòra,
s'intrufola nell'abbito e ce resta.

Dunque attenta, Ninetta; abbada bene:
se nun t'arzi la vesta te fa danno,
nun guardà a l'onestà, guarda a l'iggene.

Pensa che queli poveri imbecilli
che te vengheno appresso sospiranno
s'empieno li pormoni de bacilli!



Questa poesia è stata letta 5014 volte