Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA POVERA MADRE II

Giuseppe Gioacchino Belli

Che mm’è la vita, da che sta in esijjo
Cuell’innoscente der marito mio!
Perché sto ar monno e nnun m’ammazza Iddio
Mo cche ssò ssola e cche mm’è mmorto er fijjo?

Ah Vvergine Mmaria der bon Conzijjo,
Mamma, nun m’abbadà: ché nun zò io,
È er dolore che pparla: ah! nnun zò io
Si cco la Providenza io me la pijjo.

Llà Ggiggio mio ggiocava: in cuesto loco
Me se bbuttava ar collo: e cqui l’ho vvisto
A sparimme davanti a ppoco a ppoco!

Cosa saranno le smanie de morte!
Chi ppò ddí la passion de Ggesucristo,
Si er dolor d’una madre è accusí fforte!

Roma, 30 novembre 1832

Questa poesia è stata letta 316 volte