Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRIMO DESCEMMRE

Giuseppe Gioacchino Belli

Chiuso appena l’apparto teatrale
Stanotte la Madonna entra in ner mese:
E ffra cquinisci ggiorni pe le cchiese
Principia la novena de Natale.

E ddopo, ammalappéna se sò intese
Le pifere a ffiní la pastorale,
Riecco le commedie e ’r Carnovale:
E accusí sse va avanti a sto paese.

Poi Quaresima: poi Pasqua dell’Ova:
E, ccom’è tterminato l’ottavario,
Aricomincia la commedia nova.

Pijja inzomma er libbretto der lunario,
E vvedi l’anno scompartito a pprova
Tra Ppurcinella e Iddio senza divario.

Roma, 1 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 337 volte