Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER REGAZZO GGELOSO

Giuseppe Gioacchino Belli

E nnun t’abbasta, di’, bbrutta pe ttutto,
Co cquelli ggiochi d’acqua in de la gola,
De vedemme scquajjà ccome lo strutto
Che sse mette d’intorno a una bbrasciola;

C’adesso me sce fai la bbannarola
Che ss’arivorta all’ummido e a l’assciutto?!
Sí cche t’ho intesa io dajje parola
Piano piano a l’orecchia a cquer frabbutto.

Neghelo si lo pòi; neghelo strega
Che jj’hai fatt’occhio de vienitte accanto…
Sentila, cristo mio!, nun me lo nega?!

Busciarda infame! ah nnun credevo tanto!
Va’, cche ppossi morí cchi ppiú tte prega.
Senti, sce creperò: puro te pianto.

Roma, 2 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 427 volte