Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cuer Giammaria che tt’inzurtò a Ttestaccio,
E mmo assercita l’arte de la spia,
Passava mercordí dda Pescaria
Co ttanto de tortore sott’ar braccio.

Ner travedello, io che nun zo che ssia,
Ma nu lo pòzzo sscerne cuer mustaccio,
Arzo un zercio da terra, e ppoi jje faccio:

«A la grazzietta padron Giammaria.»
«Chi è?» ddisce svortannose er gabbiano:
E, ppunf, in ne li denti io je rispose
Co cquer confetto che ttienevo in mano.

«Nun ve pijjate pena de ste cose,»
Dico, «perché cquest’è, ssor paesano,
La lingua de parlà cco le minose».

Roma, 2 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 409 volte