Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun ce sò ddonne de ggnisun paese
Che ppòzzino stà appetto a le romane
Ner confessasse tante vorte ar mese
E in ner potesse dí bbone cristiane.

Averanno er zu’ schizzo de puttane,
Spianteranno er marito co le spese;
Ma a ddivozzione poi, corpo d’un cane,
Le vederai ’ggnisempre pe le cchiese.

Ar monno che jje dànno? la carnaccia
Ch’è un zaccaccio de vermini; ma er core
Tutto alla Cchiesa, e jje lo dico in faccia.

E ppe la santa Casa der Ziggnore
È ttanta la passione e la smaniaccia,
Che cce vanno pe ffà ssino a l’amore.

Roma, 2 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 434 volte