Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Abbita in Borgo, in un bucetto scuro,
pieno de ragni che te fa spavento:
c'è 'na scanzìa, du' sedie, un letto a vento
e quarche santo appiccicato ar muro.

Tra le pile e le carte ce tiè puro
un sacco de barattoli d'inguento,
erbe e noce pijate a Benevento,
bone pe' fa' qualunquesia scongiuro.

Benanche che 'sto sito è così infame,
in certi giorni c'è de le giornate
ch'è sempre pieno zeppo de madame.

E ce ne vanno nun se sa se quante!
Tutte signore oneste, maritate,
che vonno le notizzie de l'amante.

II

Appena ch'entrai drento, un gatto rosso,
che stava a sgnavolà su la scanzìa,
invetri l'occhi drento a quelli mia,
arzò er groppone e diventò più grosso.

— Parla, — fece la strega — tira via:
t'ha piantato l'amico? Sputa l'osso.
Vôi scoprì un ladro? Ah, questo qui nun posso:
io fo la strega, mica fo la spia! —

Perché 'sta fattucchiera è un po' curiosa:
se ce vai p'interessi o per amore
lei t'indovina subbito la cosa;

se invece, viceversa, tu ce vai
pe' scoprì un ladro, è peggio der questore:
nun so perché, nun c'indovina mai!

III

Io ce provai. Je dissi: — L'antra sera
hanno arubbato una catena d'oro
a 'na famija a vicolo der Moro,
la quale stava drento a 'na peschiera...

— Benone: — disse — e in cammera chi c'era? —
Dico: — Un commennatore amico loro...
Poi venne un capo-mastro a fa' un lavoro...
— E chiaro! — barbottò la fattucchiera —

Senza che cerchi tanto, sposa mia,
la robba che te manca l'ha rubbata
er capo-mastro prima d'annà via. —

Defatti fu arestato er muratore...
e la catena d'oro fu trovata
ne le saccocce der commennatore.



Questa poesia è stata letta 1089 volte