Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Chi ssiete? – Un omo. – Come vi chiamate? –
Biascio Chiafò. – Di qual paese siete? –
Romano com’ e llei. – Quanti anni avete? –
Sò entrato in ventidua. – Dove abitate? –

Dietr’a Ccampo-Carleo. – Che arte fate? –
Ggnisuna, che ssapp’io. – Come vivete? –
De cuer che Ddio me manna. – Lo sapete
Perché siete voi qui? – Pe ttre pposate. –

Rubate? – Ggià. – Vi accusa? – Er Presidente. –
Ma le rubaste voi? – Nun zò stat’io. –
Dunque chi le rubò? – Nu ne so ggnente. –

E voi da chi le aveste? – Da un giudio. –
Tutto vi mostra reo. – Ma ssò innoscente. –
E se andaste in galera? – È er gusto mio.

Roma, 3 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 358 volte