Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Vivenno papa Pio messe uguarmente
A Rroma un Presidente per urione.
Come fu mmorto lui, papa Leone
Ristrinze oggni du’ urioni un Presidente.

Ma a li sette scartati puramente
Je seguitò a ffà ddà la su’ penzione.
Poi venne un antro Pio d’antra oppiggnone
C’arimesse cuer ch’era anticamente.

Però li sette Presidenti novi,
Lui nu li ripijjò da li levati,
E pperò st’antri musi oggi sce trovi.

Nun c’è mmejjo che cquanno se sparaggna!
E accusí da cuattordisci pagati
Mò ssò vventuno, e oggnun de cuesti maggna.

Roma, 3 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 285 volte