Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco,
Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia.
Vamm’a ccerca un paese foravia
Dove se vòti com’a Rroma er fiasco!

Vamm’a ccerca p’er monno st’aricasco
De poté ffà un delitto chessesia,
Eppoi trovà una cchiesa che tte dia
Un ber càmiscio bbianco de damasco.

L’hai visto a Ssan Giuvanni Decollato
Cuello che ffesce a ppezzi er friggitore,
Come la Compaggnia l’ha llibberato?

L’hai visto con che ppompa e ccon che onore
Annava in priscissione incoronato,
Come potrebbe annà ll’imperatore?

Roma, 5 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 785 volte