Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

A le curte, te vòi sbrigà d’Aggnesa
Senza er risico tuo. Bbe’, ttu pprocura
D’ammazzalla viscino a cquarche cchiesa:
Poi scappa drento, e nnun avé ppavura.

In zarvo che ttu ssei doppo l’impresa,
Freghete der mannato de cattura;
Ché a cchi tte facci l’ombra de l’offesa
Una bbona scommunica è ssicura.

Lassa fà: staccheranno la liscenza:
Ma ppe la grolia der timor de Ddio
C’è ssempre cuarche pprete che cce penza.

Tu nun ze’ un borzarolo né un giudio,
Ma un cristiano c’ha pperzo la pascenza:
Duncue, tu mmena, curri in chiesa, e addio.

Roma, 5 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 331 volte