Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE GGIURISDIZZIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

È un gran birbo futtuto chi sse laggna
De le cose ppiú mmejjo der Governo.
Come! ner cor de Roma cuel’inferno
De le puttane de Piazza de Spaggna?!

S’aveva da vedé ’na scrofa caggna
D’istat’e utunno e pprimaver’e inverno,
Su cquer zanto cusscino in zempiterno
A cchiamà li cojjoni a la cuccaggna?

Hanno fatto bbenone: armanco adesso
Se fotte pe le case a la sordina,
E ccor prossimo tuo come tte stesso.

Mo ttutto se pò ffà ccor zu’ riguardo
Co cquella ch’er Ziggnore te distina;
E ar piuppiú cce pò usscí cquarche bbastardo.

Roma, 5 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 272 volte