Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MOJJE DER GIUCATORE

Giuseppe Gioacchino Belli

Commare mia, sò ppropio disperata:
Nun pòzzo ppiú ddormí, nnun trovo loco.
Da che ha ppijjato la passion der gioco
St’infame de Matteo m’ha aruvinata.

Cuer po’ dde dota mia ggià se n’è annata
Piú cche ll’avessi incennerita er foco:
E ssi vvedi la casa! appoco appoco
Già mme l’ha ttutta cuanta svalisciata!

E ijerzera, Madonna bbenedetta!
Che spasimo fu er mio come a cquattr’ora
Me lo vedde tornà ssenza ggiacchetta!

Ma la cosa piú ppeggio che mm’accora,
Sò ggravida, commare! Io poveretta
Con che infasscio sto fio cuanno viè ffora?!

Roma, 5 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 296 volte