Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Succede istessamente a mmi’ marito.
Si nun è una, è ll’antra sittimana,
Turutuf j’arioca la terzana,
Che ssi lo vedi è ppropio arifinito.

Li ggiorni che nun viè sta frebbe cana,
Sta mmosscio e arresta llí ttutto anniscito;
E mme ggira pe ccasa cor marito,
Freddo ppiú dde la pietra de funtana.

Cuann’essce er zole, verz’er mezzoggiorno
Tanto s’azzarda mezz’oretta a spasso;
Ma cquanno piove me sta ssempre attorno.

La notte poi lo lasso stà lo lasso.
Mo ffra de noi che cce pò èsse? un corno.
Sia pe l’amor de Ddio: fascemo passo.

Roma, 8 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 327 volte