Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PARTO DE MAMMA

Giuseppe Gioacchino Belli

Nonna, adesso che mmamma ha ppartorito
Ve vojjo addimannà ’na cosa, nonna.
Dite: com’essce gravida una donna? –
Nipote mia, cor fiato der marito. –

E a mmamma er pupo suo dove j’è usscito? –
Da un ginocchio. – E cch’edèra sta siconna
C’accennessivo er lume a la Madonna? –
Un antro pupo che nun è ffinito. –

E ll’omo partorissce? – Eh, cquarche vvorta. –
Ma è vvero c’una dona fesce un lupo,
E un’antra appena partorito è mmorta? –

Sicuro. – E pperché mmorze? – Pe lo scciupo
Ch’ebbe in ner partorí, pperch’era storta. –
Nonna, me sa mmill’anni de fà un pupo.

Roma, 8 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 568 volte