Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

M' hanno propio odorato, spósa mia!
Puro er pittore ch'abbita qua accosto,
invece de pagamme, m'ha proposto
de pitturamme tutta l'osteria.

Dice: — Farò un lavoro a fantasia,
cór uno sfreggio che v'allarghi er posto:
una spece d'un angelo anniscosto
ner foco d'un Vessuvio che va via... —

L'ha fatto, sì! ma guarda che lavoro!
Questo è un Vessuvio! Nun te fa l'effetto
che ciabbino tirato un pommidoro?

E questi qua? so' fiori o so' cetroli?
Guarda quant' è puzzone ' st'angeletto!
L'ha fatto propio a sconto de facioli!

II

Ortre a tutte 'ste buggere, m'amanca
la posta più mijore der locale:
er cavajere: è annato a finì male,
sta drento pe' l'affare de la banca.

Puro quer vecchio co' la barba bianca,
che me pagava sempre puntuale,
un giorno m'è cascato pe' le scale
e j'è venuto un femore a la cianca.

E er deputato? Te ricorderai:
me speruccava tutta la bottega,
magnava bene e ce scajavo assai...

Ma puro in quello poco più ce spero,
che, adesso ch'è ministro, se ne frega!
Indove vôi che magni? Ar ministero!



Questa poesia è stata letta 1087 volte