Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CONCUBBINAZIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

«Ma Eminenza, si vvò, lei pò aggiustalla:
M’ajjuti pe l’amor de la Madonna!
Sta supprica che cqui ggià è la siconna,
E intanto ho ffame e ddormo a Ssanta Galla.»

A ste parole, da una stanzia ggialla
Entra e ttrapassa una gran bella donna,
Eppo’ un decane co ’na conca tonna
E un ber cuccomo pieno d’acqua calla.

Er Cardinale me ne fesce rosso
Com’un gammero cotto, a sto passaggio;
E nnun zeppe ppiú ddí: «Fijjo, nun posso».

Ma ccome je sscennessi allora un raggio
Dar celo, pe llevammese da dosso
Stese er riscritto, e sse n’annò ar bon viaggio.

Roma, 9 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 371 volte