Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MOSTRO DE NATURA

Giuseppe Gioacchino Belli

Che vvòi che sseguitassi! Antre campane
Sce vonno, sor Mattia, pe cquer batocco!
L’ho ssentit’io ch’edèra in nel’ imbocco!
Ma ffréghelo, per dio, che uscello cane!

Va ccosa ha d’accadé mmó a le puttane!,
De sentimme bbruscià cquanno me tocco!
Si è ttanto er companaco ch’er pane,
Cqua ssemo a la viggija de San Rocco.

N’ho ssentiti d’uscelli in vita mia:
Ma cquanno m’entrò in corpo quer tortore
Me sce fesce strillà Ggesummaria!

Madonna mia der Carmine, che orrore!
Cosa da facce un zarto e scappà vvia.
Ma nun me frega ppiú sto Monziggnore.

Roma, 9 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 530 volte