Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Padre… – Dite il confiteor. – L’ho ddetto. –
L’atto di contrizione? – Ggià l’ho ffatto. –
Avanti dunque. – Ho ddetto cazzo-matto
A mmi’ marito, e jj’ho arzato un grossetto. –

Poi? – Pe una pila che mme róppe er gatto
Je disse for de mé: «Ssi’ mmaledetto»;
E è ccratura de Ddio! – C’è altro? –
Tratto Un giuvenotto e cce sò ita a lletto. –

E llí ccosa è ssuccesso? – Un po’ de tutto. –
Cioè? Sempre, m’immagino, pel dritto. –
Puro a rriverzo… – Oh che peccato brutto!

Dunque, in causa di questo giovanotto,
Tornate, figlia, con cuore trafitto,
Domani, a casa mia, verso le otto.

Roma, 11 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 821 volte