Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

SANTACCIA DE PIAZZA MONTANARA I

Giuseppe Gioacchino Belli

Santaccia era un dama de Corneto
Da toccà ppe rrispetto co li guanti;
E ppi cche ffussi de castaggno o abbeto,
Lei sapeva dà rresto a ttutti cuanti.

Pijjava li bburrini ppiú screpanti
A cquattr’a cquattro cor un zu’ segreto:
Lei stava in piede; e cquelli, uno davanti
Fasceva era fatto suo, uno dereto.

Tratanto lei, pe ccontentà er villano,
A ccorno pístola e a ccorno vangelo
Ne sbrigava antri dua, uno pe mmano.

E ppe ffà a ttutti poi commido er prezzo,
Dava e ssoffietto, e mmanichino, e ppelo
Uno pell’antro a un bajocchetto er pezzo.

Roma, 12 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 380 volte