Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Undiscimila vergine, sagrato!
Undiscimila, cazzo!, e ttutt’inzieme?!
Jèsummaria! ma vvedi cuanto seme
Che ppoteva impiegasse, annà spregato!

E a ttempi nostri tanti che jje preme
De pescà un búscio arcuanto conzervato,
D’undiscimila c’abbino pescato
Nun ne troveno dua! Tutte medeme!

Undiscimila vergine! che ppasto
Da conzolà un mijjaro de conventi!
Tutte zitelle! Ma cchi è annato ar tasto?

Ce volemo accordà? Pavolo, senti:
O ffra ttante zitelle sc’era er guasto,
O ereno per dio tutt’accidenti.

Roma, 14 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 1140 volte