Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PUTTANISCIZZIA

Giuseppe Gioacchino Belli

A mmé nun me dí bbene de ste lappe
Che vvanno co la scuffia e ccor cappotto,
E mmarceno in pelliccia e mmanicotto,
Piene d’orloggi, catenelle e cciappe:

Lassamo stà che ppoi nun cianno sotto
Mezza camiscia da coprí le chiappe:
Tutta sta robba sai da che ccondotto
Je viè, Stèfino mio? dar tipp’e ttappe.

Pe la strada ggnisuna t’arisponne:
Come poi j’ariessce d’anniscosto,
Se faríano inzeppà da le colonne.

Ma a nnoi nun ce se venne er zol d’agosto,
Perché la castería de ste madonne
Sta ttutta sana in ner gruggnaccio tosto.

Roma, 16 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 358 volte