Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI FRATELLI MANTELLONI

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma cchi? cquelli che vvanno ar Caravita
La sera, e cce se sfrusteno er furello?
Sò ttutti galantommini, fratello;
Ggente, te lo dich’io, de bbona vita.

Cuarcuno, si ttu vvòi, porta er cortello:
A cquarcuno je piasce l’acquavita:
Cuarchidunantro è un po’ llongo de dita;
Ma un vizzio, ggià sse sa, bbisoggna avello.

Ma ppoi tiengheno ttutti er mantellone,
E ccor Cristo e le torce cuann’è ffesta
Accompaggneno er frate a le missione.

E ’ggni sera e per acqua, e ppe ttempesta,
Vanno pe Rroma cantanno orazzione
Coll’occhi bbassi e ssenza ggnente in testa.

Roma, 19 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 332 volte