Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

MI’ FIJJA MARITATA

Giuseppe Gioacchino Belli

Povera fijja mia! Cuer Zarvatore
Bbisoggna dí o cche ttiè ttroppa sostanza,
O mme l’ha ppresa pe ’n imbottatore
Pe scolàjjene drento in st’abbonnanza.

Da che llei lo sposò, ssempre un lavore!
Panz’e zzinna e dda capo zinn’e ppanza.
E li fijji a ’ggni madre je ne more,
Ma pe Ggiartruda mia nun c’è speranza.

In cinqu’anni otto fijji, e ttutti vivi!
E cche ccianno in ner corpo? Io me la rido
Che sse dii ’n’antra coppia che l’arrivi.

Tre vvorte a ffila gravidanza doppia!
Cueste nun zò bbuscíe: sto cacanido
E Ppippo soli nun zò nnati a ccoppia.

Roma, 20 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 1037 volte