Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mó cc’è un editto c’ a sta Roma caggna
Je vonno ariggiustà ttutte le mura;
Ma ssi nun è cche quarcuno sce maggna,
Nun te pare, per dio, caricatura?

Se pò ssapé dde cosa hanno pavura?
Che li Romani scappino in campaggna?
De li preti ggnisuno se ne cura,
Perché ddrento in città sta la cuccaggna.

Si ppoi semo noantri secolari,
Sc’è bbisoggno de muri e de cancelli
Pe ffacce restà ddrento a li rippari?

Pe ppoche pecoracce e ppochi agnelli
Dati in guardia a li can de pecorari
Bbasta una rete e cquattro bbastoncelli.

Roma, 22 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 469 volte